Malanni stagionali

Quest’inverno sarà di quelli memorabili. Almeno per me che non mi ammalo mai.

Sono incinta del mio secondogenito e il contatto stretto stretto con l’untore (la primogenita) mi ha fatto buscare praticamente ogni gocciolina di Flugge infetta che gravitava nei paraggi.

Sono qui a scrivere di come ne sono uscita indenne e senza accanimenti terapeutici, nel rispetto della vita che accolgo e dei tempi di recuperi del corpo.

Argento colloidale: preso per via orale e instillato nelle narici. Io utilizzo il Silver Blu consigliatomi da tempo da una collega nauturopata.

Fermenti lattici: io personalmente mi affido alla professionalità della Bromatech. In questo caso ho seguito il protocollo: Enterelle, Bifiselle, Ramnoselle. In aggiunta, a sostegno della fase gravidica, Femelle direttamente come supposta vaginale.

Alimentazione: in caso di iper-produzione di muco occorre preferire quei cibi che hanno la tendenza a dis-infiammare, fluidificare e apportare stimoli positivi al sistema immunitario. Tanta verdura e frutta, zenzero in ogni forma, timo aggiunto alle pietanze, olio di semi di canapa (da mangiare nella colazione Miami-o-fruit). Via tutti i latticini. Limitare le proteine animali, gli zuccheri, i cereali raffinati. Bere molto aiuta a fluidificare: io preferisco la malva, il già citato zenzero, la buccia di limone.

Fumenti: aiutano a sciogliere il muco e in più apportano i benefici delle erbe (oli essenziali) aggiunte all’acqua. A me piace utilizzare salvia, rosmarino e timo.

Irrigazioni nasali con acqua salata: è facile preparare una soluzione ipertonica anche a casa. Se non ho il preparato già pronto utilizzo questo dosaggio: una tazza di acqua bollita + mezzo cucchiaino di sale marino integrale.

Visto che ho sofferto per la prima (e spero l’ultima) volta in vita mia di una sinusite ai seni mascellari sono stata aiutata anche da un bel cappello (anche la notte come nei fumetti) e una faccia sul naso che mi proteggesse dall’aria fredda (oltremodo doloroso il contatto con l’aria).

Volevo fare il punto sul costo di questa “cura”, se potrà essere utile a qualcuno:

  • Argento colloidale: 9€
  • Fermenti: tutto il ciclo 40€
  • Olio di semi di canapa: 12€
  • Irrigazioni: utilizzate quelle pediatriche che avevo a casa. 10€? se ricordo bene…
  • Erbette varie per fumenti: recuperate in famiglia
  • Frutta e verdura: vabbè non esageriamo con i dettagli

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...